General View of the area where a twin-en

LOS ROQUES – E’ Uno dei paradisi tropicali più amati dai turisti di tutto il mondo ed è una delle poche meraviglie naturali rimaste incontaminate dalla mano dell’uomo: stiamo parlando dell’arcipelago sudamericano di Los Roques.

Pochissimi giorni fa però, quest’insieme di isole, è stato protagonista di una vicenda drammatica: un aereo da turismo, che portava diversi italiani tra cui il famoso Vittorio Missoni e che viaggiava verso Caracas, è scomparso dai radar dopo aver eseguito il decollo ed aver percorso qualche miglia.
Le ricerche da parte delle autorità venezuelane sono iniziate immediatamente, ma non hanno portato ad alcuna novità poichè non si trova la minima traccia del velivolo o dei superstiti.

Attualmente le ipotesi che hanno ricevuto maggiore credito sono 2: il sequestro da parte dei narcos e l’ incidente “di percorso”. La prima, seppur sia stata subito messa in primo piano, ora è stata accantonata poichè all’interno del velivolo vi erano solo turisti (a differenza del volo del 4 gennaio 2008 in cui salirono a bordo 4 venezuelani che non sarebbero dovuti essere a bordo).

L’incidente è l’ipotesi più probabile poichè, come racconta lo stesso pilota Enrique Rada che è decollato 1 minuto dopo l’aereo scomparso, “Vi era una coltre di nubi incredibile e loro si sono addentrati. Un filmine ha disintegrato il velivolo.. Ne sono sicuro!!”
D’altro canto bisogna ammettere che il pilota del piccolo aereo scomparso si chiama Germán Marchán , “aveva 72 anni e 18mila ore di volo sulle spalle” ed “era uno dei piloti più esperti e più stimati qui a Los Roques. Anche il suo collega era esperto e di ore ne aveva 5mila”.

In attesa di novità, il governo venezuelano ha messo a disposizione dell’Italia una nave che si occuperà di setacciare tutto il territorio marino nei pressi dell’incidente.

1 commento

Comments are closed.