contatore-elettronico

Chiunque abiti in una casa con tanto di corrente elettrica ha avuto a che fare con una bolletta dell’Enel. Dal 2001 al 2006 l’azienda ha installato circa 32 milioni di contattori elettronici, progettati da Echelone, un’ azienda americana, ma non sono mai stati verificati. Chi ci dice che le letture siano realmente corrette? E’ vero con questi nuovi apparecchi si può conoscere il consumo istantaneo e il consumo a fascia oraria, ma non sono mai stati calibrati e certificati o omologati da un ente terzo incaricato dallo stato.

Fino ad oggi il Ministero dello Sviluppo economico non si è mai occupato di far certificare gli apparecchi e probabilmente non lo farà. La telelettura genera spesso dei contenziosi tra il fornitore e l’utente, che si vede rispondere: “Per noi la lettura è corretta”.

E’ l’Associazione Codici – Centro per i Diritti del Cittadino che si è posta il problema e sta preparando una Class Action contro i responsabili.

Però a chiedere spiegazioni al Mise è stato il deputato M5S Davide Crippa che nell’audizione sulla Strategia Energetica Nazionale è intervenuto affermando: (leggere l’immagine sottostante)

1

In attesa di ulteriori chiarimenti su questa faccenda l’italiano intanto continua a pagare.

1 commento

  1. Il “Progetto Contatore Elettronico” è tutto ENEL.
    E’ uno strumento eccezzionale ed unico perchè sostituisce la fatturazione con anticipi e conguagli , con lettura Tramite “onde convogliate” sui cavi di bassa tesione . Conosco personalmente alcuni dei tecnici (e la loro moralità insieme alla loiro professionalità) che hanno partecipato ai collaudi.
    Permette la fatturazione multioraria ….è scandaloso che si sputtani uno orgoglio della tecnologia ITALIANA altrochè americana. Chi ha dubbi contatti l’ENEL e chieda dell’UFFICIO VERIFICHE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here