mostro di loch ness

Per tanti anni moltissime persone hanno creduto all’esistenza del mostro di Loch Ness. Ecco che l’autore delle foto, George Edwards, ha rivelato come tutto ciò si tratti di un fake. “L’ho fatto per divertimento, ho usato una gobba finta per ingannare le persone.” ha spiegato ai media. Infatti l’uomo, come possiamo vedere nella foto, ha utilizzato una gobba finta realizzata in fibra di vetro e l’ha fotografata di volta in volta in diverse posizioni.

Edward ha confessato al Daily Maily, di essere stanco di prendere in giro le persone e di fare finalmente chiarezza su questo mistero. La gobba utilizzata non era altro che un fantoccio adoperato per realizzare un documentario della National Geographic. Alla fine di quel lavoro, Edward era riuscito a sottrarre il fantoccio e una volta portato a casa ha iniziato a scattare le sue foto.

Tuttavia, è improbabile che il turismo risenta della dichiarazione di Edward, in quanto il mito del mostro di Loch Ness risalirebbe a più di 1.500 anni fa, pare che il primo avvistamento risalga al 565 dopo cristo. E la celebre foto scattata dal chirurgo inglese Robert Wilson nel 1934, sebbene sia stata riconosciuta come fake, non ha di certo contribuito a smorzare l’interesse e il fascino che questi luoghi misteriosi riescono a conservare e suscitare interesse nei turisti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here