pediatra

Il centro destra Lombardo (Pdl, Lega Nord, Fratelli d’Italia) ha bocciato in consiglio regionale una mozione dall’esponente di Patto Civico, Umberto Ambrosoli, sostenuta oltretutto dal Centro Sinistra e movimento Cinque Stelle, all’interno del quale si chiedeva il riconoscimento dell’assistenza sanitaria di base verso i minori non regolari con l’eventuale scelta del pediatra.

Secondo il centro destra lombardo questa mozione rappresentava un vero boomerang per la società e un duro confronto alla Legge Bossi-Fini che regola appunto i processi immigratori. Secondo l’assessore alla sanità Mario Mantovani i bambini degli immigrati irregolari dispongono già di un’ampia offerta di aiuti e agevolazioni da nostro sistema sanitario.

Ambrosoli ribatte inutilmente chiedendo un semplice diritto alla parità al sistema sanitario.

Infine, il consigliere del Pd Fabio Pizzul ha annunciato che proverà a chiedere l’audizione alle associazione Caritas e Naga per trattare più sullo specifico il fatto. Il no della Regione Lombardia rappresenta una vera e propria eccezione in campo nazionale: di fatto tutte le regioni e il Governo Italiano hanno raggiunto un accordo di massima, il 20 dicembre scorso, sull’iscrizione obbligatoria dei minori regolari e non al servizio nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here