figlia

Bruttissima storia quella che accadeva da parecchi anni a una ragazzina minorenne di 15 anni. Il padre le negava il permesso di uscire di casa, di usare il computer o di svolgere qualsiasi altra attività se in cambio la ragazzina si rifiutava di soddisfare le sue richieste più spinte. Dall’età di 9 anni, per quasi 5 anni, la piccola ha dovuto subire queste violenze da parte della persona che più di tutte avrebbe dovuto volerle bene.

Il genitore, un 43enne originario del Camerun, residente in città e dipendente di una cooperativa, utilizzava come arma, assieme alle minacce di privarla delle piccole libertà che una ragazzina doveva avere, quella della paghetta. Rapporti in cambio di soldi. Proprio per questo l’uomo verrà accusato oltre che di violenza minorile, anche di prostituzione minorile.

L’inchiesta è partita da scuola alla fine del 2013, dopo che la ragazzina, stanca delle violenze, si è confessata con una sua insegnante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here