sardegna-alluvione-

Dopo l’alluvione che tra lunedì 18 e martedì 19 novembre ha provocato la morte di 16 persone in Sardegna, la Protezione Civile, le autorità locali e i volontari sono a lavoro per rimettere in sicurezza gli edifici, ripristinare i collegamenti stradali e assistere gli sfollati. Di seguito per punti i principali dati e aggiornamenti:

– I comuni danneggiati dall’alluvione sono 60: 11 nella provincia Olbia-Tempio, 16 in provincia Nuoro, 10 in provincia Oristano, 8 in provincia di Cagliari, 8 in provincia Medio Campidano e 7 nella provincia dell’Ogliastra.

– Da quasi una settimana si cerca ancora un disperso, nelle campagne fra Bitti e Onani in provincia di Nuoro.

– Gli sfollati dice la Protezione Civile sono 871 di cui 644 sono autonomi e ospitati da amici, 227 invece sono nei centri di raccolta allestiti in strutture comunali e parrocchie.

– Entro la fine di dicembre dovrebbero arrivare i soldi per l’assistenza economica agli sfollati. L’importo massimo sarà di 600 euro per nucleo familiare. Le persone che invece abitavano da sole avranno diritto a un contributo di 300 euro.

– Il sistema dei soccorsi conta oltre 360 volontari, 440 vigili del fuoco che hanno messo a disposizione più di 80 mezzi, 330 operatori dell’Ente Foereste e 199 della Forestale.

– Per la gestione della prima emergenza sono stati messi a disposizione dal governo circa 25 milioni di euro. In una seconda fase ne sono previsti altri 100 milioni per la ricostruzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here