TORONTO – Angelo Heddington e Elizabeth Rudavsky avevano una storia d’amore, culminata con un felice matrimonio. Ma i problemi non tardarono ad arrivare. L’uomo la maltrattava, la picchiava spesso e lei cercava di reagire agli episodi di violenza domestica. Ma dopo anni di maltrattamenti, Elizabeth accoltella a morte il marito per porre fine alle violenze. Soccorso dal personale paramedico, nel corso delle medicazioni, la sconvolgente scoperta: Angelo non era un uomo, ma una donna e indossava una protesi del pene. Elizabeth sconvolta dalla notizia commenta: “Non sapevo nulla, non mi sono mai accorta di nulla, facevamo l’amore al buio”.